Remo Brindisi | Coppia di Gallinelle | h. cm. 32x19 |Firmato Brindisi | fabbrica Sartori | anni ‘60

Nuovo

1 200,00€Iva incl.

Remo Brindisi | Coppia di Gallinelle | scultura in terracotta dipinta eseguita presso Sartori | h. cm. 32x19 |Firmato Brindisi | marchio fabbrica Sartori | anni ‘60

Biografia:

Remo  Brindisi, Pittore Verista del Novecento Italiano, nasce a Roma il 25 aprile del 1918.

Frequenta dapprima la Scuola d’Arte di Penne, dove suo padre insegna scultura in legno e, dal 1935 per breve tempo, i corsi di scenografia del Centro Sperimentale di Roma e le lezioni alla Scuola Libera di nudo dell’Accademia di Belle Arti di Roma, fino a quando ottiene una borsa di studio per l’Istituto Superiore d’Arte per l’Illustrazione del Libro di Urbino.
Chiamato sotto le armi, durante la seconda Guerra Mondiale, a seguito dello sbandamento dell’esercito italiano, arriva a Firenze, dove vive una pausa felice nel circolo di amici artisti, quali Felice Carena, Ardengo Soffici e Ottone Rosai.
A Firenze, nel 1940, Brindisi allestisce la sua prima mostra personale con quadri che hanno una impostazione descrittiva e poetica: il catalogo di questa mostra ha la presentazione del poeta Eugenio Montale.
Fatto prigioniero dai tedeschi, riesce a fuggire e si rifugia in clandestinità a Venezia fino al giorno della Liberazione.

La Galleria "Il Cavallino" di Carlo Cardazzo a Venezia garantisce al pittore un'ottima attività espositiva che viene ampliata con la Galleria "Il Naviglio a Milano.
Negli anni '40 e '50 Brindisi partecipa praticamente a tutte le Biennali di Venezia ed alle Quadriennali di Roma, distinguendosi per il grande impegno politico e civile, utilizzando caratteri Espressionisti nell'ambito della Nuova Figurazione, con chiare tendenze Informali.
Trasferitosi a Milano dal 1947, Remo Brindisi entra nella polemica tra Realisti ed Astrattisti, in corso in quegli anni, e si schiera aderendo al Gruppo “Linea” con Dova, Kodra, Meloni, Paganin, Porzio, Quasimodo, Joppolo e Tullier, il suo stile si apre a nuovi elementi e le sue figure assumono il tipico appiattimento Cubista.
Nel 1950, il Gruppo Linea si scioglie ed il pittore accosta al movimento del Realismo, ma nel 1955 dopo una interessante mostra antologica che il comune di Milano allestisce per Remo Brindisi al Padiglione d'Arte Contemporanea e la prima personale a Zurigo, si consuma la sua rottura nei confronti del movimento del Realismo, che coinvolge, oltre l’ambiente artistico, anche la stampa politica.
Remo Brindisi dipinge grandi opere con temi ciclici, molti suoi quadri affrontano temi sociali, facendosi testimone di una "sofferenza collettiva" la cui rappresentazione dà alle opere un carattere epico.
Fra il 1956-57 crea le quattordici tele di "Via Crucis", momento di religiosa interiorità nel clima di tensione degli anni del dopoguerra.
Di grande vigore appare il ciclo "Storia del Fascismo" che lo ha impegnato fra il 1957 e il 1962.
In questo lavoro abbandona l’impianto architettonico dell’immagine, adotta l'espressività intensa, dai toni ombrosi di una pittura informale.

30 altre opere dell'autore: